Donne giraffa
Indietro
Previous image
Avanti
Next image
 

Tra le più terrificanti attrazioni turistiche della Thailandia ci sono le "donne dal collo lungo", o "donne giraffa".
Si tratta di donne di etnia Karen-Padaung, profughe fuggite dalla Birmania e stabilitesi in Thailandia, che mantengono in vita l'antichissima tradizione di indossare lunghi collari in ottone che, schiacciando e deformando la cassa toracica, danno l'impressione di "allungamento" del collo.
A quanto pare questa tradizione viene mantenuta quasi esclusivamente per motivi "turistici": le "donne giraffa" vivono in finti villaggi per turisti (lontani dalle montagne da cui vengono ma più facilmente raggiungibili dai turisti che arrivano a Changrai in aereo) e si guadagnano la vita vendendo oggetti tradizionali.
Per quanto io possa sforzarmi di essere aperto alle culture "diverse" dalla nostra, il vedere queste ragazze ingabbiate in quella specie di strumento di tortura e quasi impossibilitate a parlare e a muoversi con un minimo di disinvoltura mi ha veramente devastato.
Ho trovato particolarmente impressionante la gioia con cui le ragazze-giraffa posavano per le fotografie dei turisti, felici di potersi mostrare in tutta la loro "bellezza" a gente venuta da così lontano.