Il  maranza in generale

(Tentativo infruttuoso di classificare il maranza)

Penso che a tutti voi sia capitato, almeno una volta nella vita, di sentire definire una persona come "maranza".
Fino ad oggi nessuno si era mai preoccupato di effettuare una seria ricerca filologica ed etimologica sull'origine di questo curioso appellativo. Ma ecco che arriva il Maranza, che decide che e' ora di farla finita con tutta questa ignoranza, e si mette alla caccia di informazioni. Devo ammettere che non e'stato assolutamente un lavoro facile, e i risultati sono stati tutto sommato deludenti. Questo e' accaduto perche' non e' stato possibile trovare un unico filo conduttore che legasse in qualche modo le varie definizioni di "maranza" che mi venivano proposte.
 

IL SIGNIFICATO

In generale (da qui il titolo della pagina), il maranza viene definito stravolgendo le regole di cio' che ogni singola persona ritiene "normale", "ordinario", "di buon gusto". Mi spiego meglio : per i metallari e' maranza chi si veste da discotecaro (zeppe, giubbotto Essenza, pantaloni aderenti, capelli rasati ai lati e sparati in alto sopra alla testa), mentre per i cosiddetti "fighetti" (cioe' le persone eleganti) e' maranza chi si acconcia in maniera estremamente "out" (giacchetta a quadrettoni, occhialoni in tartaruga, calzettoni di spugna e mocassini neri). Ho trovato anche persone che invece considerano maranza il vestirsi "troppo" eleganti (giacca e pantaloni intonati , doppiopetto, camicia bianca, cravatta).
Molto spesso il concetto di maranza si fonde con quello di kitch o di trash, ed inteso cioe' come tentativo fallito di creare qualcosa di esteticamente valido. Come potete notare, in tutte qeste definizioni c'e' un solo punto in comune : quello di considerare sempre e comunque il maranza come qualcosa di "diverso" nel senso peggiore del termine, quello che non concede neanche l'attenuante della grandezza eroica del fallimento. Il maranza e', cioe', colui che parte da una visione della vita completamente sbagliata, ha un ideale insignificante e, ciononostante, riesce comunque a non raggiungerlo.

L'ETIMOLOGIA

Non avendo risolto il problema del significato del termine maranza, ho cercato di capire da dove provenisse questa parola, ed anche in questo caso ho fatto un clamoroso buco nell'acqua. L'unica cosa che ho scoperto e' che esiste una citta' in Alto Adige che si chiama Meransen , italianizzato in Maranza, ma non credo che c'entri granche'.
Ho contattato alcuni Maranza in giro per il mondo, ma nessuno di loro mi ha saputo dire da dove derivasse il loro soprannome (se non come storpiatura del cognome).

CONCLUSIONI

A questo punto non posso che far altro che rivolgere un appello a tutti i lettori di questa pagina: se qualcuno di voi sa dirmi di piu', oppure vuole avanzare ipotesi sul maranza, e' pregato di scrivermi.


Torna alla home page